Confraternita di Maria SS Addolorata al Molo

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Maria SS. Pellegrina tra le famiglie

Il culto a Maria SS. Addolorata ha sempre costituito una delle attività pastorali che impegnano i Confrati e le Consorelle tutto il periodo dell'anno solare. Oltre alle descritte celebrazioni che hanno luogo durante il periodo dei festeggiamenti settembrini, ai devoti e soprattutto agli ammalati che ne fanno richiesta viene portato secondo un turno prestabilito e per un periodo di giorni 10, la statuetta di Maria SS. Addolorata. Di simulacri, che girano per le case, gli uffici e negozi, ne possediamo due, entrambi custodite in apposite urne a vetrina.
Un simulacro è in carta pesta, mentre l'altro è scolpito in legno simile al Venerato simulacro grande.
Entrambi sono risalenti all'epoca della fondazione della Confraternita e si presume che siano stati commissionati ad artisti del periodo quali prototipo da cui ricavare il Simulacro di dimensioni reali.
Il simulacro piccolo ligneo era esposto al culto dei fedeli in una cappellina ricavata sul prospetto laterale dell'antica chiesa di Maria SS. del Popolo prospicente vicolo della Vittoria i cui abitanti adornavano sfarzosamente nel periodo dei festeggiamenti.
La stessa immagine, all'incalzare degli eventi bellici, quando tutta la zona Molo veniva sottoposta a continui bombardamenti, fu tratta in salvo e quindi Custodita dalla Signora Maria Gaeta la quale ebbe in sogno la Madonna che la invitava appunto a prendersi cura di quel Simulacro. La Signora, pur riconoscendo la proprietà dell'immagine alla Confraternita, la volle custodire fino alla sua morte.
Gli eredi riconsegnarono il piccolo simulacro alla Confraternita così come aveva lasciato detto l'anziana devota che sicuramente si trova in Cielo a godere della LUCE di CRISTO e a contemplare il VOLTO di MARIA SS. ADDOLORATA nella Gloria degli Angeli.





Oggi รจ e sono le ore
Torna ai contenuti | Torna al menu