Confraternita di Maria SS Addolorata al Molo

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Cappella

Nell'antica chiesa di Maria SS. del Popolo, il simulacro di Maria SS. Addolorata al Molo, di proprietà della Confraternita, non era esposto alla venerazione dei fedeli in quanto ne esisteva un altro costituito da tronco in paglia con testa ed arti in cera vestito con abito viola e manto in velluto nero.
Il suddetto simulacro era posto ai piedi del SS. Crocifisso sull'altare a loro dedicato.
Abbiamo appreso, negli anni, da parte dei Confrati anziani, che all'epoca della fondazione della Confraternita, il descritto simulacro di Maria SS. Addolorata venne portato in processione in occasione della festa a Lei dedicata, ma la precaria struttura consigliò i Confrati a provvedere a fare scolpire in legno - da uno sculture dell'epoca - l'attuale simulacro di Maria SS. Addolorata il quale veniva custodito in apposita Cappella in legno e vetri all'interno della sacrestia, luogo di riunione della Confraternita.
Dopo la seconda guerra mondiale, avvenuto il trasferimento della Confraternita nella chiesa della Consolazione ai Quattro Venti, e successivamente nell'attuale chiesa di via dei Cantieri, i Confrati nel 1954, quando l'edificio era ancora in fase di completamento, chiesero ai Padri Agostiniani di potere esporre al culto dei fedeli, all'interno della chiesa, l'immagine di Maria SS. Addolorata. La proposta venne accolta favorevolmente, riservando l'angolo a destra entrando in chiesa al SS. Crocifisso, di proprietà dei Padri Agostiniani, ed a Maria SS. Addolorata.
I Confrati in segno di gratitudine facevano scavare la nicchia a cappella facendosi carico di tutte le spese necessarie compreso il rivestimento marmoreo dell'intero angolo della Passione.
Il 2 Febbraio 1958 veniva solennemente benedetta la Cappella ed il Simulacro di Maria SS. Addolorata al Molo veniva esposto accanto al SS. Crocifisso alla Venerazione dei fedeli.

 

Oggi รจ e sono le ore
Torna ai contenuti | Torna al menu